Radio e spazio

Moderatori: in3dqw, i0kqb

i0kqb
Messaggi: 54
Iscritto il: 23/04/2014, 22:52

Radio e spazio

Messaggioda i0kqb » 11/04/2016, 19:21

12 Aprile 1961
Questa data ai più potrebbe non ricordare nulla ma è una di quelle date che andrebbero menzionate più spesso così come la scoperta dell'America o la nascita di Leonardo da Vinci, una data che diede l'inizio all'esplorazione dello spazio.
Alle ore 09:07, ora di Mosca, Yuri Gagarin decollò a bordo della navicella Vostok 1 spinta da un potentissimo razzo, verso l'ignoto assoluto. Una volta decollato, rimase in volo per 108 minuti, rimanendo collegato con la Madre terra per mezzo della Radio. Oggi ho ascoltato l'audio originale dei messaggi radio tra Gagarin e la base spaziale e, credetemi, mi hanno davvero emozionato.
Conoscete il gioco dei "se"? Se Marconi non fosse nato, se non avesse condotto i suoi esperimenti, se la radio non ci fosse stata, ecc. ecc.
E' davvero molto difficile immaginare un mondo tecnologicamente diverso da quello in cui viviamo oggi. Gagarin, con la tecnologia radio dell'epoca rimase in contatto con quella che Lui definì"la terra blu, meravigliosa". Come avrebbe potuto condurre quel volo, quel salto nell'ignoto, se non avesse avuto la possibilità di comunicare per mezzo della Radio?
In questo mese, gli amici OM russi stanno celebrando con un radio contest i 55 anni da quel giorno, 55 anni che scoccheranno domani mattina.
Il contest è semplice: è necessario collegare più stazioni possibili tra quelle che hanno il call sign del tipo RA55YG oppure RG55YG od altre similari, che trasmettono in tutte le modalità disponibili. Ci sono tre diversi diplomi a seconda dei punti raggiunti, ed è semplice raggiungerli.
I tre diplomi sono belli. Questo quì sotto è uno di essi.

Gagarin web.jpg
Gagarin web.jpg (106.55 KiB) Visto 5421 volte

Potrà sembrare banale ma personalmente sono convinto che anche un semplice contest come questo possa dare un senso alla "fratellanza" tra i popoli, visto che, se vi si partecipa, probabilmente un pensiero comune e sincero è rivolto all'oggetto della ricorrenza.
Domani mattina, alle ore 07:07 italiane( 09:07 di Mosca), guarderò all'insù nel cielo, ricordando una delle tante persone che ha dato il proprio coraggio per l'umanità intera.


Giovanni Francia I0KQB
Referente Scientifico Nazionale ERA

Torna a “Sezione scientifica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite