L'oscilloscopio

Moderatori: in3dqw, i0kqb

Avatar utente
in3dqw
Messaggi: 395
Iscritto il: 14/02/2013, 12:16

L'oscilloscopio

Messaggioda in3dqw » 11/07/2014, 17:45

Un tempo, questo mitico strumento, non poteva assolutamente mancare nella stazione di un radioamatore, in quanto, la non conoscenza dello stesso, non gli avrebbe permesso di prendere la patente. Oggi, purtroppo, tra tutine fluorescenti, palette, secchielli e radio dei Gormiti, le cose non sono più come una volta, aime'! Ma la mia domanda è rivolta, ovviamente, ai pochi veri OM in circolazione, che mi dite in merito? Analogico o digitale? Banda passante? Singola o doppia traccia? Sono aperte le discussioni prego :)
Allegati
image.jpg
image.jpg (138.88 KiB) Visto 2730 volte
IN3QDW Gian (previous call IZ6ITH)
Presidente della Sezione Speciale Autonoma di Trento
cell. ERA 349 2170060
skype: in3dqw
email: in3dqw@gmail.com

i0kqb
Messaggi: 54
Iscritto il: 23/04/2014, 22:52

Re: L'oscilloscopio . La scelta

Messaggioda i0kqb » 13/07/2014, 15:16

Caro Giancarlo
per quello che mi riguarda non ho dubbi sulla scelta .
Un po' di teoria spicciola per comprendere il perchè .
Nei vecchi oscilloscopi analogici , il segnale da misurare veniva applicato , più o meno direttamente , sulle cosiddette placche di deflessione poste sul giogo di deflessione dei tubi catodici .
Ovviamente vi era interposta tutta l'elettronica di controllo , per dar modo di scegliere base dei tempi ed ampiezza di segnali . In questo caso , elettronica standard - risultati miseri - costo abbordabile / elettronica scelta - risultati buoni - costo già alto .
Viceversa, negli oscilloscopi digitali il segnale viene dapprima elaborato da convertitori A/D e poi trasferito all'elettronica di controllo , anch'essa digitale .
In questo secondo modo , i se pur minimi disturbi che inevitabilmente venivano introdotti dalla stessa elettronica analogica di bordo ( vedi rumore e quant'altro ) , non ci sono più .
E' un po' come il discorso tra il vecchio vinile ed il CD .
Nel CD , i segnali audio vengono già registrati in tecnica numerica ( PCM ) e quindi già in origine , non essendoci più allo stesso tempo nè segnali puramente elettrici e neanche circuiti analogici che comunque introducevano rumore bianco , hum o ronzìo ed erano anche sensibili ad eventuali campi rf circostanti , potremo elaborare il nostro segnale come più ci piace , ed anche migliaia e migliaia di volte , senza che esso si degradi ..... Stiamo elaborando degli stati digitali , una sequenza di zero od uno che non sono minimamente influenzabili , diversamente dall'analogico che era pieno di variabili dovute alla qualità delle apparecchiature e del nastro master.
Immagina cosa significhi un segnale RF che vogliamo misurare usando un oscilloscopio digitale : il segnale viene convertito in una serie di bit o numeri (quindi insensibili a ciò che è analogico come fruscìo , ronzìo ecc. ecc .), dopodiché quello che l'elettronica di bordo elaborerà , sarà quanto di più preciso ci possa essere.
Nei vecchi oscilloscopi analogici , per ottenere una qualità e veridicità di misura accettabile , era imperativo scegliere esclusivamente le marche più blasonate , che utilizzavano soltanto componenti elettronici di qualità militare , spendendo cifre che oggi suonerebbero come 10.000 o più Euro .
Nel mondo digitale , tutto , per ottenere risultati di qualità una volta impensabili , le cifre da spendere sono notevolmente più basse .
Questo è dovuto al fatto che per ottenere risultati già ottimi , la componentistica di bordo è standard , quindi prezzi umani !
Per le misure che ti interessano , valgono le solite regole :


1) Banda del segnale ( frequenza massima del segnale che può analizzare )

2) Banda passante dell'oscilloscopio ( Almeno il doppio della frequenza massima )

3) Frequenza di campionamento dell'oscilloscopio ( Almeno 4 volte la banda passante )



Con questi requisiti minimi , le misure saranno molto accurate .
Per le tracce , non andare oltre le due , a meno che tu debba analizzare contemporaneamente più di 2 segnali RF.
Allora , in finale , io comprerei un DOPPIA TRACCIA DIGITALE !!!!
Senza dubbi !
Giovanni - I0KQB
Responsabile Ricerca e Sperimentazione Radio Elettronica

Avatar utente
IK2SGV
Moderatore
Messaggi: 115
Iscritto il: 14/02/2013, 12:27
Contatta:

Re: L'oscilloscopio

Messaggioda IK2SGV » 13/07/2014, 20:05

Carissimo Gian, non è mia abitudine fare lezioni non richieste e tantomeno pubblicizzare apparecchiature commerciali, d'altronde vedo che già ti è stato risposto in maniera dotta ed esauriente; per quanto mi riguarda ti posso solo dire che oscilloscopi come quello che hai acquistato sono strumenti utili specialmente per i novizi.
Così, tanto per....
Questo è l'oscilloscopio che uso io.
Immagine
Un cordiale saluto.
Paolo ik2sgv

Avatar utente
in3dqw
Messaggi: 395
Iscritto il: 14/02/2013, 12:16

Re: L'oscilloscopio

Messaggioda in3dqw » 15/07/2014, 16:25

Sbaglio o è un 4 tracce??? woooooow :o
IN3QDW Gian (previous call IZ6ITH)
Presidente della Sezione Speciale Autonoma di Trento
cell. ERA 349 2170060
skype: in3dqw
email: in3dqw@gmail.com

Avatar utente
in3dqw
Messaggi: 395
Iscritto il: 14/02/2013, 12:16

Re: L'oscilloscopio

Messaggioda in3dqw » 15/07/2014, 17:09

sulla maniera "dotta ed esauriente" di I0KQB non avrei avuto alcun dubbio ;)
IN3QDW Gian (previous call IZ6ITH)
Presidente della Sezione Speciale Autonoma di Trento
cell. ERA 349 2170060
skype: in3dqw
email: in3dqw@gmail.com


Torna a “Sperimentazione”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite